Appena a sud di Atene c’è un gruppo di isole, una diversa dall’altra. Si tratta delle Isole Saroniche, che offrono un’ottima vacanza da sole o un’estensione rilassante di una vacanza in città.

Le isole greche Argo Saroniche, le più vicine ad Atene, si presentano con un paesaggio roccioso, in parte vulcanico. Ognuna ha un’atmosfera unica: c’è Egina con i suoi antichi templi, Poros e le sue colline tempestate di pini e l’arida Hydra con le sue strade battute dai cavalli.

In più, la ricca Spetses, la più lontana da Atene, con le sue case neoclassiche imbiancate a calce e le baie turchesi.

Le isole Saroniche sono abbastanza vicine ad Atene per essere raggiunte con gite di un giorno.

Per questo, puoi decidere di venire direttamente qui o passare solo qualche giorno come un’estensione rilassante di una vacanza in città.

Cosa aspettarsi dalle Isole Saroniche

Le isole Saroniche abbracciano la costa tra il Pireo, il porto di Atene, il Peloponneso e la splendida terraferma meridionale della Grecia.

Potrebbero facilmente riempire una vacanza da soli ma, combinati con Atene e la terraferma, costituiscono un viaggio che riassume il meglio della Grecia.

Alcune sono più interessanti, altre meno. Ad esempio, Salamina offre il sito in cui i greci sconfissero la marina persiana nel 480 a.C. ma, a parte questo, non c’è molto altro da vedere.

Più a sud ti sposti, più le isole diventano esclusive e costose e sono anche le migliori da visitare fuori stagione.

Scopriamole una per una per capire cosa offrono e cosa vedere se scegliamo di visitare le Isole Saroniche.

Egina: la destinazione rilassata per i locali

Mentre il traghetto gira a nord-ovest di Capo Plakakia, rimarrai colpito dalle prime vedute dell’omonima città dell’isola di Egina.

Il suo porto è fiancheggiato da ristoranti e tra i tetti fa capolino la cupola della Chiesa ortodossa di San Nicola, il patrono dei marinai.

Alla tua sinistra vedrai i resti del magnifico Tempio di Apollo, di cui oggi rimangono solo un pezzo di colonna e alcune pietre del pavimento.

Più interessante è il grande Tempio di Aphaea del V secolo a.C., sul lato nord-est dell’isola.

isole saroniche cosa vedere Tempio di Aphaea

Arroccato su una collinetta, offre un posto ideale da cui ammirare uno stupendo tramonto sul mare. Il tempio ha più di venti colonne doriche addossate a verdi uliveti. Nelle sue vicinanze si trova la tipica località turistica di Agia Marina.

È meglio evitare Egina nei fine settimana quando è affollata di ateniesi, molti dei quali hanno qui una seconda casa. È in bassa stagione o nei giorni della settimana che l’isola dà il meglio di sé, con un’atmosfera seducente e rilassata.

Agistri: spiagge benedette su una piccola isola

Questa piccola isola scarsamente popolata vanta alcune bellissime spiagge su cui si infrangono acque turchesi. È perfetta per una fuga dalla calca di turisti, qui non ne troverai mai troppi.

vacanze a Agistri isola in Grecia

Se desideri una vacanza selvaggia in Grecia per dimenticare il mondo fuori, questo è il posto ideale. Alberghi, ristoranti e bar fiancheggiano la sponda settentrionale, oltre la quale l’isola rocciosa è per lo più ricoperta di pini.

Methana: escursioni e nuotate in un caldo mare

Nata da eruzioni vulcaniche di millenni fa, Methana è oggi una penisola collegata alla terraferma del Peloponneso da un sottile istmo. Si distingue dalle altre isole grazie ai suoi pendii ripidi, al terreno accidentato e alla mancanza di spiagge.

isole Saroniche vacanze a Methana

Anche se l’ultima eruzione risale al 230 a.C., oggi ci sono più di 20 cupole di lava che si possono scorgere lungo il paesaggio. Qui gli escursionisti vengono per il piacere di salire sulla cima del vulcano, dove si erge la chiesetta di Profitis Ilias.

Si tratta di un percorso contorto di quasi 5 chilometri totali lungo strade asfaltate strette con molti tornanti acuti e biforcazioni.

Un secolo fa, Methana era una popolare destinazione termale per i greci. Le sorgenti termali filtrano ancora nel porto, dove puoi fare il bagno nelle acque turchesi riscaldate.

La vivacità di Poros

A sud-est di Methana puoi trovare Poros, un’isola popolare tra i diportisti e i turisti in generale.

L’atmosfera qui è decisamente più viva; attraversando il porto della vivace Sferia, su cui si affacciano case bianche che si arrampicano su per il verde pendio della collina, ci si può benissimo sentire a St. Tropez.

Qui ci sono tante cose da vedere. Dall’imperdibile Museo Archeologico di Sferia, sulla piazza Korizy che conserva reliquie dell’antica Trezene, al Tempio di Poseidone e altri siti locali.

isole Saroniche tempio di Poseidone Poros Grecia

La torre dell’orologio in cima alla collina è tra i posti più popolari al tramonto a Poros, anche se molti preferiscono prendere il sentiero per la Chiesa di Sant’Atanasio per la vista panoramica più sensazionale.

Una sottile striscia di sabbia si estende lungo la costa immediatamente a nord di Sferia, fino a raggiungere Askeli, la spiaggia più grande e frequentata. I grandi hotel sono tutti qui, a pochi passi dalla città.

Una passeggiata di 20 minuti verso est conduce alla piccola spiaggia di Monastiri, che si trova alla base di una collina boscosa.

Salendo in cima, invece, si arriva al grazioso Monastero di Zoodochos Pigi del XVIII secolo. Il resto dell’isola è scarsamente popolato e ricoperto di pini, il cui profumo riempie l’aria.

visitare il Monastero di Zoodochos Pigi Isole Saroniche

L’unico sito archeologico qui sono i magri resti del Tempio di Poseidone, costruito nel 520 a.C. e smantellato in modo sacrilego nel XVIII secolo.

Se hai particolare interesse per le antichità, ti può ispirare una visita ai resti dell’antica Trezene, un tempo potente città, situata fuori dal villaggio di montagna di Trozina, sette chilometri a ovest di Galatas.

Idra: l’isola senza neanche un’automobile

Aggirando la penisola del Peloponneso si raggiunge la donchisciottesca Idra, nel Golfo Argolico. Lunga, snella e oblunga, quest’isola arida e senz’acqua è quasi tutta roccia.

Nonostante le sue grandi dimensioni, l’unico mezzo di trasporto qui sono gli asini. Anche le biciclette sono vietate.

Questa isola è avvincente se vista dall’acqua. Puoi scorgere il suo piccolo porto a ferro di cavallo, sostenuto da palazzi del 18° secolo nascosti in un anfiteatro naturale.

vacanze a Idra isola in Grecia

Il suo labirinto di strade ripide e strette di marmo aggiunge glamour, rendendo Hydra una destinazione alla moda per velisti e bohémien facoltosi.

Se vuoi passare una o più giornate in ozio, non c’è posto migliore. Il tempo trascorre lentamente sorseggiando ouzo e caffè, giocando a backgammon con la gente del posto e assaporando il ronzio costante delle cicale e della musica bouzouki.

Le poche spiagge di ciottoli con acque meravigliose di Hydra sono raggiungibili con i taxi acquatici.

L’interno è praticamente disabitato e offre interessanti escursioni, come il percorso a zigzag andata e ritorno per il monastero Moni Profiti Elia in cima alla collina.

Cultura di giorno e festa di notte a Spetses

Quest’isola è quella che si trova più a sud ed è la destinazione festaiola dell’arcipelago. Dapia, il ricco centro storico di Spetses ospita palazzi veneziani imbiancati a calce, mentre il labirinto di strade che si ergono nell’entroterra vanta numerosi caffè, ristoranti e bar chiassosi.

Spetses era un tempo un importante centro di costruzione navale e oggi puoi trovare ancora alcuni falegnami che realizzano barche di legno alla maniera tradizionale.

vacanze a Spetses

Non puoi perderti il ​​Museo Bouboulina, dedicato a Laskarina Bouboulina, eroina della Guerra d’indipendenza greca. Nelle vicinanze, un altro palazzo del 18° secolo ospita il Museo Spetses, con mostre che ripercorrono la storia dell’isola fino al periodo classico.

Al di là della città, quest’isola boscosa di pini è quasi del tutto disabitata.

La costa è circondata da una strada tortuosa lungo la quale troverai calette cristalline con spiagge di ciottoli, tra cui  Zogeria, una piccola insenatura all’estremità nord-ovest dell’isola; e Agia Marina, con bar sulla spiaggia, taverne e sport acquatici.